Sandro Botticelli: la tecnica e i segreti della sua pittura

di Laura Corchia

Allievo di Filippo Lippi, Sandro Botticelli ne apprende la tecnica pittorica e il gusto per le figure aggraziate e preziosamente ornate da lumeggiature dorate.

L’artista dipinge sempre a tempera, scegliendo tavole in legno di pioppo preparate con due stesure. Su di esse traccia il disegno a carboncino, riprendendo poi il soggetto a pennello utilizzando inchiostro a carbone. I particolari appaiono abbozzati con tratti sottili e puntuali.

botticelli-sandro_madonna-of-the-book_poldi-pezzoli

 

Il pittore ricorre all’incisione per definire le linee architettoniche e procede poi con campiture di imprimiture di colori diversi.

Nelle sue opere è evidente  la conoscenza della lavorazione dei metalli e alcuni dettagli, come le vesti, le cinture e le scarpe, sono arricchiti con l’oro.

La scelta dei colori dimostra la preferenza per le tinte brillanti, come il blu oltremare, il rosso cinabro, il verderame, la lacca di carminio e la lacca di garanza. Poco presenti le terre opache perché non adatte ad una pittura luminosa. Impastati con l’uovo, creano stesure sottili e uniformi che permettono di ottenere superfici levigate e smaltate.

Fondamentale per Botticelli è la linea,una linea flessuosa, agile, leggiadra, elegante, che circonda morbidamente il soggetto e lo stacca dal fondo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 
Precedente L'arte alla corte di Rodolfo: Spranger e i pittori rudolfini Successivo Alma - Tadema ed il culto di Dioniso ne: “Le donne di Anfissa”