“Fiori”: una poesia di Wendy Cope

Frederick Judd Waugh, Rum raw, 1922


Una poesia di Wendy Cope carica di rimpianto e di nostalgia per un amore perduto. 

Certi uomini non ci pensano mai.
Tu sì. Ti presentavi alla porta
dicendo che mi avevi quasi portato dei fiori
ma qualcosa era andata storta.

Il fiorista era chiuso. O un dubbio ti assaliva
di quelli che sorgono all’infinito
a tipi come noi. Forse, pensavi,
io i tuoi fiori non avrei gradito.

Sorridendo allora ti avevo abbracciato.
Solo il sorriso mi resta ora.
Ma guarda, i fiori che avevi quasi portato
durano tuttora.

Wendy Cope

Leggi anche  “Io ti chiamo con il tuo nome”: la splendida poesia di Catherine Morena Ramos

Lascia un commento