“L’incidente è chiuso”: la nostalgica poesia di Vladimir Majakovskij che parla di un amore finito

Dipinto di Edward Hopper

Vladimir Majakovski, grande poeta russo, esprime in questi struggenti versi tutto il suo dolore per un amore finito.

È già l’una passata.
A quest’ora tu sarai a letto.
Come un fiume d’argento
traversa la notte
la Via Lattea.
Io non ho fretta
e non ti voglio svegliare
con speciali messaggi.
Come si dice,
l’incidente è chiuso.
Il battello dell’amore
s’è infranto contro la vita circostante.
Tu ed io
siamo pari.
Non vale la pena di citare
le offese
i dolori
e i torti reciproci.
Guarda com’è pacifico il mondo.
La notte
ha imposto al cielo
un tributo stellato.
È in ore come questa
che si sorge
e si parla ai secoli,
alla storia,
alla creazione.

Vladimir Majakovskij

 
Precedente Il sapore dell’arte in Sicilia: analisi di due opere di Renato Guttuso Successivo “44 istruzioni per la vita”: il significativo testo di H. Jackson Brown

Lascia un commento