“Tenere insieme le cose”: una poesia di Mark Strand

In un campo
io sono l’assenza
del campo.
E
sempre così.
Ovunque io sia
io sono ciò che manca.

Quando cammino
divido l’aria
e sempre
l’aria refluisce
a riempire gli spazi
in cui era stato il mio corpo.

Abbiamo tutti motivi
per muoverci.
Io mi muovo
per tenere insieme le cose.

Mark Strand

 
Precedente “Le foglie morte”: la meravigliosa poesia di Jacques Prévert Successivo “In me il tuo ricordo”: la splendida poesia di Vittorio Sereni

Lascia un commento