Dentro l’opera: “L’Origine du monde” di Gustave Courbet

di Laura Corchia

“L’Origine du monde” è, senza dubbio, il quadro più seducente e scandaloso di tutta la storia dell’arte. Scopriamo insieme cosa rappresenta e chi fece da modella a Gustave Courbet.

Gustave Courbet (Ornans, 10 giugno 1819 – La Tour-de-Peilz, 31 dicembre 1877) è stato un pittore interessato, fin dagli esordi, al nudo femminile. Nelle sue opere si trovano spesso donne dal corpo voluttuoso e sensuale, indagato con grande interesse per il reale. Ma mai come ne L’Origine du monde si è spinto così tanto nella rappresentazione della nudità, indagando fin nei più piccoli particolari un dettaglio anatomico femminile esibito senza pudore, imbarazzo o ipocrisia.

L’opera rappresenta una vulva sormontata da copiosi riccioli neri che si offre all’osservatore in tutta la sua cruda bellezza. Il torso femminile, dal quale emerge un candido seno, è coperto da un panneggio bianco. Le natiche adagiate sul letto si spalancano, lasciando emergere ciò che è l’origine del mondo, l’organo che ha dato la vita a tutti gli esseri umani.

Le pennellate ampie e sensuali distendono tonalità ambrate, memori della pittura veneziana di Tiziano, Veronese e Correggio.

L’Origine du monde fu commissionata a Courbet da Kahlil Bey, un diplomatico turco che la conservava nella stanza da bagno coperta da una tendina in modo da nasconderla da sguardi inopportuni. Il dipinto è poi passato allo psicanalista Jacques Lacan che lo teneva nascosto sotto un altro dipinto attraverso un’ingegnosa cornice a doppio fondo.

La modella

Il ricercatore francese Claude Schopp ha rivelato in un suo libro l’identità della modella che posò per Courbet: si tratta di Constance Quéniaux, un’ex ballerina dell’Opéra e maitresse del committente. Nel 2010 è stato rinvenuto sul mercato antiquario un piccolo quadro che raffigura il volto di una donna e, secondo alcune perizie, potrebbe trattarsi della parte superiore de L’Origine du monde. Tuttavia ad oggi si tratta soltanto di un’ipotesi non confermata da ulteriori studi.

La piccola tela che si presume essere il frammento superiore de L’origine du monde

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

 
Precedente Eco e Narciso: una storia antica ma sempre attuale Successivo “Io ti amo”: la romantica e pungente poesia di Stefano Benni

Lascia un commento