“Cade la notte”: la splendida poesia di Forough Farrokhzad

Una poesia di Forough Farrokhzad carica di struggente malinconia.

Cade la notte
E dopo la notte, il buio
E dopo il buio
Gli occhi
Le mani
I respiri, i respiri…
E il rumore dell’acqua
Che gocciola dal rubinetto

Dopo due punti rossi
Due sigarette accese
Il tic-tac dell’orologio
Due cuori
E due solitudini

Forough Farrokhzad

 
Precedente "Quelle scarpe vecchie": una poesia di Susan Randall dedicata a tutti coloro che hanno strade da percorrere Successivo "Ma se io dovessi rinascere": una poesia di Marcos Ana

Lascia un commento