“La nostra vita naviga su un mare”: una poesia di Rabindranath Tagore

Dipinto di Claude Monet

La nostra vita naviga su un mare
Mai attraversato, le cui onde,
si inseguono l’ un l’ altra giocando
a un eterno rimpiattino.
È il mare agitato del mutamento,
che pascola le sue schiumanti
greggi, e mille volte le disperde,
che batte incessante le sue mani
contro la calma del cielo.
Nel centro di questa volteggiante
Danza di guerra di luce e di buio,
amore, tua è quell’ isola verde,
dove il sole bacia la ritrosa
ombra della selva ed il silenzio
è corteggiato dal canto di uccelli.

Rabindranath Tagore

 
Precedente “Ormai sei mia”: una poesia di Pablo Neruda Successivo “Io e le cose”: lo splendido brano di Giorgio Gaber

Lascia un commento