“Ci si abitua alle assenze?”: la malinconica e bellissima poesia di Anileda Xeka

Dipinto di Edward Hopper

Mi sorvola
l’ala del pensiero
di te lontano

Ci si abitua alle assenze
come alle notti
senza luna
s’attende con i gomiti
appoggiati sul davanzale
gli occhi vigili
in fondo del vialetto
in cerca d’un ombra,
un’ illusione
una speranza avanzata
agli ululati dispersi
giù per la valle
nei piedi del monte
mentre
stringo forte i pugni
sino a farmi male
e non l’afferro.

Nella mano
sanguinante
una lucciola spenta.

Anileda Xeka

 
Precedente Primo Levi: "L'approdo". Una poesia per chi ha superato le tempeste della vita Successivo "Leggi, sono questi i nomi delle cose": la meravigliosa poesia di Maria do Rosário Pedreira