“Il saltimbanco”: la splendida poesia di Aldo Palazzeschi

Dipinto di Pablo Picasso

Chi sono?
Son forse un poeta?
No certo.
Non scrive che una parola, ben strana,
la penna dell’ anima mia:
follìa.
Son dunque un pittore?
Neanche.
Non à che un colore
la tavolozza dell’ anima mia:
malinconìa.
Un musico allora?
Nemmeno.
Non c’è che una nota
nella tastiera dell’ anima mia:
nostalgìa.
Son dunque… che cosa?
Io metto una lente
dinanzi al mio core,
per farlo vedere alla gente.
Chi sono?
Il saltimbanco dell’ anima mia.

Aldo Palazzeschi

Leggi anche  Nazim Hikmet: "Come è bello pensare a te"

Lascia un commento