“Sereno”: la bellissima poesia di Giuseppe Ungaretti sulla precarietà della vita umana

Dopo tanta
nebbia
a una
a una
si svelano
le stelle

Respiro
il fresco
che mi lascia
il colore del cielo

Mi riconosco
immagine
passeggera

Presa in un giro
Immortale.

Giuseppe Ungaretti

 
Precedente "Se non fosse perché i tuoi occhi": una poesia di Pablo Neruda Successivo "La marionetta": il bellissimo e significativo testo di Johnny Welch