“Senza più peso”: la poesia che Ungaretti dedicò all’amico pittore Ottone Rosai

Ottone Rosai, Nudo giovane
Ottone Rosai, Nudo giovane

Per un Iddio che rida come un bimbo,
tanti gridi di passeri,
tante danze nei rami,

un’anima si fa senza più peso,
i prati hanno una tale tenerezza,
tale pudore negli occhi rivive,

le mani come foglie
s’incantano nell’aria…

Chi teme più, chi giudica?

 
Precedente Dalla ritrattistica tardo-antica alle prime icone del Monte Sinai Successivo Il "Giudizio Universale" di Lelio Orsi. Un caso di studio