“Se muoio sopravvivimi”: la struggente poesia di Pablo Neruda

Tomba Ribaudo, Cimitero monumentale di Staglieno, Genova -
Cimitero di Staglieno, Genova . Tomba Orsini by Leonardo Bistolfi

Se muoio sopravvivimi con tanta forza pura
se tu risvegli la furia del pallido e del freddo,
da sud a sud alza i tuoi occhi indelebili,
da sole a sole suoni la tua bocca di chitarra.

Non voglio che vacillino il tuo riso né i tuoi passi,
non voglio che muoia la tua eredità di gioia,
non bussare al mio petto, sono assente.
Vivi nella mia assenza come in una casa.

È una casa sì grande l’assenza
che entrerai in essa attraverso i muri
e appenderai i quadri nell’aria.

E’ una casa sì trasparente l’assenza
che senza vita io ti vedrò vivere
e se soffri, amor mio, morirò nuovamente.

Pablo Neruda

 
Precedente "Ai sospiri dell'amata": una poesia di Rainer Maria Rilke Successivo Dentro l'opera: la "Fanciulla con turbante" di Jan Vermeer