“Pianto antico”: l’indimenticabile e struggente poesia di Giosuè Carducci

Mary Cassatt, Bambino che raccoglie una mela, 1883

L’albero a cui tendevi
La pargoletta mano,
Il verde melograno
Da’ bei vermigli fior

Nel muto orto solingo
Rinverdì tutto or ora,
E giugno lo ristora
Di luce e di calor.

Tu fior de la mia pianta
Percossa e inaridita,
Tu de l’inutil vita
Estremo unico fior,

Sei ne la terra fredda,
Sei ne la terra negra;
Né il sol piú ti rallegra
Né ti risveglia amor.

Giosuè Carducci

 
Precedente "Fallo, indossa quel vestito troppo stretto": una poesia di Brooke Hampton Successivo "Le tue mani": la meravigliosa poesia di Pablo Neruda