“L’infinita”: una poesia di Pablo Neruda

Vedi queste mani? Han misurato
la terra, han separato
i minerali e i cereali,
han fatto la pace e la guerra,
hanno abbattuto le distanze
di tutti i mari, di tutti i fiumi,
e tuttavia
quando percorrono
te, piccola,
grano di frumento, allodola,
non riescono a comprenderti
si stancano raggiungendo
le colombe gemelle
che riposano o volano sul tuo petto,
percorrono le distanze delle tue gambe,
si avvolgono  alla luce della tua cintura.
Per me sei un tesoro più colmo
d’immensità che non il mare  e i grappoli,
e sei bianca e azzurra e vasta come
la terra nella vendemmia.
In questo territorio,
dai tuoi piedi alla tua fronte,
camminando, camminando, camminando
passerò la mia vita.

Pablo Neruda

da: Poesia d’amore del Novecento, Milano, Crocetti editore, 1996

 
Precedente "Imparerai": il significativo testo di Borges che tutti dovrebbero leggere Successivo "Forse il cuore": la splendida poesia che Salvatore Quasimodo ha scritto in guerra