“La porta è socchiusa”: una poesia di Anna Achmatova

Dipinto di Jarek Pukzel

La porta accostata,
il lieve ondeggio degli alberi di tiglio…Sul tavolo, chissà dimenticati,
un frustino e un guanto.
L’alone giallo della lampada…
Sento un fruscio.
Perché sei andato via?
Io non capisco…
Domani sarà un mattino
di serenità.
La vita è splendida,
sii saggio, cuore.
Sei così stanco,
rallenta, batti piano…
Pensa, ho letto
che l’anima è immortale.

Anna Achmatova

 
Precedente La Sagrada Familia di Antoni Gaudí raccontata attraverso un video straordinario Successivo "Credo in te": una poesia di Louis Aragon