Il castello di Alnwich: la scuola di magia e stregoneria di Hogwarts

di Fabio Strazzullo

Si trova nella contea britannica di Nothumberland, vicino alla Scozia. Il castello fu costruito nel 1096 per volere di Yves de Vescy, barone di Alnwick ed è ancora perfettamente conservato, dato che le stanze interne contengono ancora mobili e dipinti d’epoca, mentre alcune sale sono decorate in stile italiano da Luigi Canina. Oggi è considerato il secondo castello abitato dell’intera Inghilterra (il primo è il castello di Windsor). Fu costruito principalmente per difendere i confini inglesi a nord, prevenendo le invasioni degli scozzesi. Venne assediato nel 1172 e in un secondo momento nel 1174 da Guglielmo “il Leone” di Scozia, ma lo stesso sovrano scozzese venne catturato fuori le mura del castello durante la Battaglia di Alnwick. Nel 1309 il castello venne venduto da Anthony Bek, vescovo di Durham a Henry de Percy, I barone Percy e divenne quindi proprietà della famiglia Percy, conti e poi duchi Northumberland che attualmente ne sono i proprietari. Nel 1404-1405 i Percy si ribellarono a re Enrico IV, che assediò e prese il castello. Durante la Guerra delle due rose il castello fu di proprietà di Edoardo IV d’Inghilterra sino alla sua resa verso la metà del settembre 1461 dopo la Battaglia di Towton, divenendo oggetto di nuove contese nel percorso della guerra. Dal maggio del 1463 il castello passò nelle mani dei Lancaster per la terza volta. Dopo il trionfo di Montagu nelle battaglie di Hedgeley Moor ed Hexham nel 1464, Warwick giunse a Alnwick il 23 giugno ed ottenne la resa del castello il giorno successivo. Henry Percy, VI conte di Northumberland apportò altri restauri al castello nel corso del XVI secolo. Nella seconda metà del XVIII secolo Robert Adam apportò altre alterazioni di carattere gotico alla struttura. Mentre nel XIX secolo, Algernon Percy, IV duca di Northumberland rimpiazzò molti di questi interni con arredamenti meno sontuosi. Dalla seconda guerra mondiale fino al 1981 parti del castello furono adibiti a strutture scolastiche. Tutt’oggi, nelle torri perimetrali del castello si tengono diverse mostre patrocinate dal duca di Northumberland per via del suo interesse all’archeologia e agli affreschi di Pompei, ai reperti dell’antico Egitto e alla cultura romano-britannica.

01. Immagine di sfondo all'articolo

Architettonicamente, il castello è formato da due costruzioni ad anello. Quello interno si articola intorno ad un piccolo cortile che col tempo, per soddisfare l’esigenza di altre stanze venne allargato verso sud con un’altra struttura poi collegata con quella preesistente. Il cerchio perimetrale esterno, invece è intervallato da torri. Inoltre, il castello dispone di due parchi, di cui uno verso nord più piccolo attraversato dal fiume Aln e un altro più grande chiamato Hulne Park. Adiacente al castello, l’attuale duchessa Northumberland ha costruito un altro parco articolato intorno ad una fontana e aperto al pubblico insieme al castello.

02. Il giardino del castello di Alnwich

Tutti noi, grandi e piccoli conosciamo l’eroica storia del mago più famoso del mondo con la caratteristica cicatrice a forma di saetta sulla fronte e gli occhiali rotondi, uscito dalla penna dell’incredibile scrittrice inglese J K Rowling. E allora il castello di Alnwich non è solo famoso per la sua bellezza di sale e vista sul parco, ma anche per essere stato il set esterno della scuola di magia e stregoneria di Hogwarts della saga Harry Potter. Tra le varie scene nel parco si possono annoverare la prima lezione di volo tenuta da Madama Bumb oppure l’esercitazione di Harry nel gioco di Quidditch, mentre le panoramiche esterne (il lago, le montagne, il campo di Quidditch stesso ecc.) sono inventate e realizzate tramite modellini, oggi osservabili agli Harry Potter studios sito nella zona nord-ovest di Londra.

03. Sequenze del film Harry Potter nel giardino del castello di Alnwich

04. La scuola di magia e stregonia di Hogwarts (1)

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

 
Precedente Quando l’arte incontra i videogiochi: Minecraft Successivo Dentro l'opera: "La morte di Marat" di Jacques-Louis David