“Dò a tutti gli innamorati”: la tenera poesia di Guillaume Dufay 

Dò a tutti gli innamorati
che quest’anno amano non ricambiati
una calendula come dono di Capodanno
per guarirne i cuori dolenti.

Stan peggio del contadino che spiani i campo col rullo
o del carrettiere che esca di strada.
Dò a tutti gli innamorati
una calendula come dono di Capodanno.

Dai vincoli abbondanti di Pericolo,
da Tristezza e da Gelosia
guariranno, non ne dubito;
è ben giusto, mi aiuti Iddio.

Dò a tutti gli innamorati
che quest’anno amano non ricambiati
una calendula come dono di Capodanno
per guarirne i cuori dolenti.

Guillaume Dufay (circa 1400-1474)

 
Precedente "Capodanno": tre poesie dell'indimenticabile Gianni Rodari Successivo "Augurio per l’Anno Nuovo all’amata": la dolce poesia di Andrej Voznesenskij

Lascia un commento