Da Cavalcaselle ad Argan: un prezioso archivio online per la cultura artistica e letteraria

Screenshot_2015-09-03-21-20-44-1

L’archivio intende fornire agli studiosi un innovativo strumento di ricerca in grado di gestire risorse testuali, manoscritte o a stampa, legate ad alcuni dei principali protagonisti della storiografia e della critica artistica italiana tra la fine del XIX e il XX secolo.

Oggetto della ricerca sono i documenti di Giovan Battista CavalcaselleAdolfo VenturiUgo OjettiCesare Brandi e Giulio Carlo Argan, indagati nell’intento di mettere in luce la rete dei rapporti tra storici dell’arte, intellettuali, artisti e pubblico. Le molteplici tipologie di fonti (manoscritti, carteggi, materiale bibliografico, taccuini, ecc.) sono state trattate ognuna secondo le proprie peculiarità, procedendo alla ricerca archivistica, alla trascrizione, alla marcatura e pubblicazione on line, con particolare cura nella creazione di lessici, regesti e bibliografie tematiche.

La comune tradizione di studi per la pubblicazione informatizzata di fonti storico artistiche che contraddistingue l’attività delle singole Unità di ricerca, ha portato alla definizione di norme comuni e di una condivisa metodologia di lavoro. I dati sono stati schedati ed inseriti in una piattaforma informatica comune realizzata con tecnologia internet/intranet che ha permesso la creazione di programma informatico in grado di gestire banche dati eterogenee facenti capo a fondi archivistici differenti e di effettuare un’ampia gamma di ricerche su uno dei fondi o sull’insieme di essi.

Grazie al finanziamento Firb del Miur, le attività svolte nel presente programma sono state condotte con particolare attenzione alla formazione di giovani ricercatori, che hanno avuto l’occasione, collaborando con studiosi di maggiore esperienza, di acquisire e approfondire capacità e competenze nelle attività di edizione e interpretazione delle fonti, nonché dell’uso di tecnologie informatiche finalizzate alla gestione di risorse culturali digitali.

L’archivio è consultabile cliccando QUI.

 

I commenti sono chiusi.