“Ciò che ti offro”: una poesia di Francisco Véjar

Dipinto di Jack Vettriano

Nulla di ciò che t’offro
è irraggiungibile:
cieli e solchi d’uccelli, carezze come nubi
-il tuo cuore che batte inimitabile-
Tutto questo è possibile
senza bisogno di fantasticare.

Altro non siamo che argentate tracce
lasciate dalle chiocciole nei luoghi
visitati nei sogni.
E mai nessuno chiederà in che giorno
o in che mese viviamo.

Un lampo che s’incunea dentro il tempo
è quanto ci rimane da salvare.
L’illusione di stare l’un con l’altro.

Nulla di ciò che t’offro
può sembrare impossibile:
pensieri in volo simili ad uccelli,
un ponte teso fra i nostri due mondi.

Francisco Véjar

 
Precedente "Paura dei tuoi occhi": una poesia di Alda Merini Successivo Borromini a Sant’Ivo alla Sapienza: un capolavoro assoluto

Lascia un commento